sabato 24 dicembre 2016

BUON SANTO NATALE A TUTTI VOI.....


mercoledì 2 novembre 2016

Roma, Galleria Borghese, dal 16 Novembre 2016, DAVIDE DOTTI, Storico dell'Arte, cura la Mostra: " L'Origine della Natura Morta in Italia.Caravaggio ed il Maestro di Hartford"....40 Opere che Faranno la Loro Mostra IMPERDIBILE....

Anche la "Canestra" del Caravaggio scende da Milano a Roma per far traboccare di bellezza ricca di senso, una Mostra Imperdibile!

Il nome Maestro di Hartford e' nome fittizio,dato dal fatto che un Suo dipinto: "Natura Morta di Fiori e Frutta" e' conservato presso il Wadsworth Atheneum di Hartford (Connecticut-USA).
Davide Dotti trova sintonia con la Direttrice della Galleria Borghese, prof.ssa Anna Coliva, che il "Misterioso Artista"  Non e' il Giovane Merisi (a Roma nel 1592).... i Contorni Incisi dei Frutti Dipinti non sono del Caravaggio che "rende evidente nei Suoi dipinti il Suo Percorso Preciso e Coerente, non camaleontico."


Quaranta saranno le Opere ammirabili alla Galleria Borghese di Roma.
Segni ineludibili  sull'origine della natura morta in Italia.


Una Sintesi Pittorica che esalta, permettendo di meglio contemplare, in pienezza di modo, in Caravaggio la Sua dolcezza Poetica e la Sua profondita' concettuale.




























































info su: www.galleriaborghese.it

martedì 4 ottobre 2016

Italia...Dolce Italia...MPS: Monte dei Paschi di Siena....la Prima Banca Creata nella Storia Economica del Mondo Intero...Ecco Dove E' Oggi.......

BRIXIA MIRABILIS
SANTA GIULIA UNESCO SITE
Cosi scrive Ferruccio De Bortoli sul Corriere della Sera di oggi :

" È il 7 settembre. Il ministro dell’Economia Padoan, su incarico di Renzi, chiama il presidente Massimo Tononi, per dirgli «da ambasciatore» di licenziare l’amministratore delegato Fabrizio Viola.

Il Tesoro ha solo il 4 per cento della banca quotata in Borsa. 

Tononi non gradisce la procedura irrituale e qualche giorno dopo si dimetterà. 

Fa presenti le difficoltà di trovare – nelle condizioni particolari in cui versa la banca che pure oggi guadagna – un sostituto. 

Il ministro gli dice che il nome c’è già. E’ Marco Morelli, professionista molto apprezzato ma con un passato nell’istituto senese.

Gli organi societari, in questa circostanza, sono ridotti a soprammobili. Gli altri azionisti non contano nulla. 

L’incarico al cacciatore di teste, una finta.

La forzatura è figlia di un accordo tra il governo e la banca americana Jp Morgan del quale non sappiamo nulla.

Renzi incontra a pranzo a palazzo Chigi il numero uno Jamie Dimon su sollecitazione di Claudio Costamagna, presente l’ex ministro Vittorio Grilli, oggi in Jp Morgan."

sabato 24 settembre 2016

10 Principale Motivi per Visitare Sydney......

....Australia...


1.Bondi Beach ....e' una delle spiaggie piu' famose al mondo...
2.Sydney Opera Hause....Unesco Site....
3.Sydney Harbour ....il Porto di Sydney..
4.Taronga Zoo...su 28 ettari con tutte le specie di animali...
5.Royal Botanic Garden & the Domain ...collezione ineludibile al mondo del mondo vegetale..
6.Sydney Habour Bridge...il Ponte che puoi scalare...imperdibile...
7.Art Gallery of New  South Wales....aperta al pubblico nel 1901 con numerose opera d'arte...
8.Darling Harbour....aquarium...maritime museum..
9.Powerhause   Museum....decorative arts ...scienza e tecnologia...
10.The Rocks and Circular Quay.....quartiere storico di Sydney ...imperdibile....





mercoledì 31 agosto 2016

Si Stima attorno ai Cento (100) Milioni le Persone che, ormai da Generazioni, hanno Radici di Sangue Italiano Residenti nel Mondo Intero...Ecco il Collegamento da Coltivare...


SIAMO 60 MILIONI DI COSI DA RICOSTRUIRE
...questo è un vero e proprio capitale sociale che le Associazioni degli Italiani nel Mondo ben conoscono e che vanno aiutate nel loro lavoro di collegamento, di costruzione di rapporti fecondi...

mercoledì 24 agosto 2016

Tassi Sotto Zero e Prestiti a Basso Prezzo per Imprese e Famiglie ma Dopo Quattro Anni di Cura Intensiva l'Economia Non RIparte ....

Milano il Duomo
anche Luigi Zingales, docente di economia in Usa, scrive sull'Espresso, che la Germania è latitante ...Solo Berlino potrebbe stimolare la crescita europea. Ma Non Lo Fa.
" La Germania sta sprecando, con tassi di interesse negativi, enormi opportunità di investimento pubblico sull'Altare di Principi Ideologici e con questo danneggia non solo se stessa ma tutta l'area euro".....

"Chi ha gestito meglio di tutti la crisi sono stati gli Usa con sette anni di crescita ad un ritmo modesto del + 2,1 % ma superiore a quello europeo e giapponese"

"....le Formiche tedesche sono troppo intente a dare lezioni morali alle cicale del Sud Europa per contribuire alla crescita europea e mondiale....aspettiamoci bassi tassi, deflazione e recessione."

Non è bello!

domenica 19 giugno 2016

Aperta -a Tutti- l'Opera di Christo a Montisola (BS) sul Lago d'Iseo...Migliaia e Migliaia.... i Partecipanti tra cui il Ctg-Longobardia.....

Sulzano(BS) Lago d'Iseo Opera di Christo
In moltissimi, davvero da tutte le parti del mondo, a "calcare" -rigorosamente- a piedi nudi e con il vento soffiante tra i capelli- l'opera di Christo sul Lago d'Iseo.....

...Montisola (BS) la più grande isola lacustre europea fa da perno alla
Sua: "..Opera...Imperdibile.."..

...così come è "imperdibile l'Occasione"..... e ciò  malgrado le -inevitabili- pecche.....

...Pecche... però sempre dal particolare "ToccoItaliano" in primis dai Trasporti...

Ma l'Opera vale -davvero- la -sopportabile- paziente pena di sopportarle...

Ecco il video in cui l'artista spiega la Sua Opera...Tutto da Vedere.... The Floating Piers Christo Racconta i Suoi "PontiGalleggianti"  

mercoledì 15 giugno 2016

Dal 1 Ottobre 2016 ai suoi 116 milioni di utenti Ryanair offrirà una larga scelta di hotel, ostelli, b&b e appartamenti con la promessa che i prezzi saranno i più bassi possibili....

"Le Nostre Mucche sono Vegetariane" 

Dal prossimo 1° ottobre Ryanair abbandonerà la partnership con Booking.com e offrirà sul proprio sito un sistema proprietario di ricerca di camere d’albergo e appartamenti da abbinare al volo. Il progetto, a cui è stato dato il nome di “Ryanair Rooms”.

La notizia segna dunque un cambio radicale nell’offerta di Ryanair che sta provando a offrire pacchetti viaggio completi che vanno ben oltre la semplice vendita di ancillary, se consideriamo anche il servizio Ryanair Car Hire lanciato ad agosto scorso in sostituzione della partnership interrotta con Hertz.

E la stessa Ryanair ne è ben conscia, tanto che nel comunicato pubblicato sul suo sito, dichiara che sta puntando a diventare l’Amazon dei viaggi, come ribadisce Kenny Jacobs:

 “Sempre più clienti stanno chiedendo a Ryanair prodotti che vadano oltre il semplice volo e noi vediamo come naturale questa progressione che vedrà Ryanair.com diventare l’Amazon dei viaggi aerei. Questo va anche incontro anche alle richieste dei clienti per differenti tipi di ospitalità, dall’hotel 5 stelle all’appartamento indipendente. Aspettiamo di ricevere proposte dai partner interessati e che vogliano aiutarci a rivoluzionare l’industria dei viaggi ancora una volta”.

martedì 14 giugno 2016

Lago d'Iseo: Apertura di sabato 18 giugno 2106 a Sulzano (BS) sul Sebino dell' Opera Pensata e Realizzata da Christo...il Giornale di Brescia Scrive: " Tutto ...DOVREBBE...Essere.. Pronto... "

.......DOVREBBE....(fonte: GdB mart.14 giu.2016)
Oggi, martedì 14 sul Giornale di Brescia (GdB) appare la foto con notizia che sabato prossimo tra 4 giorni, 18 giugno 2016  "Dovrebbe" aprirsi al pubblico l'opera di Christo (GRATUITA AL PUBBLICO) sul Sebino....

....IMPERDIBILE la Visita e la Conseguente ed Inerente Osservazione Attenda della ORGANIZZAZIONE (in tutti i suoi aspetti, prezzi compresi...)

domenica 5 giugno 2016

The Guardian: Il TTIP e Gli Altri Trattati tra cui il CETA (UE con Canada) per il “Libero Commercio” (Già Firmati)...Trattati che Mettono le Grandi Aziende contro i Cittadini...

NUOVI  Giovani TRATTATI...x...NUOVI Giovani MONDI...

Sul Guardian, Nick Dearden ci fa notare che, anche se il TTIP è certamente il più importante e più devastante dei nuovi trattati per il “libero commercio” che stanno investendo i paesi occidentali, non è l’unico. 

Altri, come il CETA o il NAFTA, sono già in fase avanzata o in vigore (per lo meno conosciamo i loro contenuti).
È evidente che questi trattati esprimono tutti una stessa volontà: quella di ridurre gli Stati al livello delle aziende, per cancellare la sovranità democratica dei popoli e sostituirla con la sovranità del grande capitale (e in questo non c’è nulla di particolarmente nuovo). 

Il trattato USA-UE chiamato TTIP (Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti) è il più famoso di una serie di trattati commerciali cosiddetti “di nuova generazione”, e ha suscitato movimenti [di protesta]. Oltre 3 milioni di europei hanno firmato la più grande petizione in Europa per opporsi al TTIP, e 250.000 tedeschi sono scesi per le strade di Berlino, lo scorso autunno, per cercare di far annullare il trattato. I recenti sondaggi dicono che solo il 18 percento degli americani e il 17 percento dei tedeschi è a favore del TTIP, in discesa rispetto a due anni fa, quando a favore erano il 53 percento degli americani e il 55 percento dei tedeschi.

Ma il TTIP non è l’unico trattato. Esiste un suo “fratello minore”, un trattato tra Unione Europea e Canada, chiamato CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement). Il CETA è tanto pericoloso quanto il TTIP. Si tratta in realtà di un’avanguardia tra i trattati “stile TTIP”, ed è già stato firmato dalla Commissione Europea e dal governo canadese. Aspetta solo di essere ratificato entro i prossimi 12 mesi.

L’unica cosa positiva del CETA è che, essendo già stato firmato, lo possiamo vedere e leggere. Le sue 1500 pagine ci dimostrano che non è una minaccia solamente per i nostri standard alimentari, ma anche per la battaglia contro il cambiamento climatico, per la nostra possibilità di regolamentare le grandi banche e dunque di impedire future crisi finanziari, e per la possibilità di rinazionalizzare le industrie.

Come per il TTIP, anche il CETA prevede un nuovo sistema legale aperto solo alle aziende e agli investitori esteri. Se il governo britannico dovesse decidere, per esempio, di bandire certe sostanze chimiche, di migliorare gli standard sulla sicurezza alimentare o di imporre pacchetti senza pubblicità e marchi per le sigarette, un’azienda canadese può fare causa al governo britannico. E la ragione del contendere sarebbe semplicemente che a questa azienda viene impedito di fare profitti come avrebbe voluto. Il “processo” si terrebbe di fronte a un tribunale speciale, con la supervisione di avvocati di quell’azienda.
I problemi del G7 mostrano che molti di noi hanno capito che i trattati commerciali hanno trasformato il mondo in un parco giochi per i super-ricchi, che sono parte delle Enormi Disuguaglianze Economiche.

sabato 4 giugno 2016

A. Cerretelli (prima pagina del Sole24ore 4.6.'16): " ...Qualunque sarà l'Esito del Referendum in Gran Bretagna l'Unione Europea NON sarà Più la Stessa."...

BREXIT  YES or NOT....
...e ancora (in sintesi)..." ..si è scelto di indebolire l'Unione Europea pur di tenere dentro Londra con il contratto siglato il 23 feb. scorso....contratto che decadrà automaticamente se Londra uscirà da U.E....

....ma è possibile che per sopravvivere l'Euro non abbia altra strada che farsi tutto tedesco e l'UE quella di farsi più inglese, cioè meno integrata?.....

.....tutte soluzioni che riconoscono de jure  e di fatto la superiorità di interessi ed istituzioni nazionali rispetto a quelli europei...

....l'identità della U.E. ne esce snaturata...

...quale credibilità può avere questa UE barcollante che di fatto premia le spinte centrifughe?...

... a parte la profonda crisi della profonda crisi della intesa franco-tedesca in quel nucleo c'è l'Olanda che via referendum consultivo ha fatto CartaStraccia il trattato di associazione con l'Ucraina già ratificato a 28, parlamento olandese compreso, rimettendo da sola in discussione la certezza del diritto e impegni internazionali della UE."....

....Raymond Aron (filosofo francese) diceva che l'idea Europea è vuota perchè partorita da intellettuali....il che spiega il suo genuino appello alla Mente... ed il suo flebile appello al Cuore...."

...per chi non è ancora convinto legga i sondaggi ..57% degli Italiani e 55% dei francesi oggi voterebbe per uscire dalla  UE  ...e oggi il 35% degli inglesi ritiene la UE guerrafondaia e solo il 19% ritiene la UE portatrice di BeneEssere..."

martedì 31 maggio 2016

Referendum Ad Erbusco (Brescia) su Allargamento Centro Commerciale delle "Porte Franche" ...Al Voto meno della Metà degli Aventi Diritto e Prevale il "NO All'Allargamento"...

I Cittadini di Erbusco (BS) sede del Consorzio Vini della FranciaCorta 
hanno votato in maggioranza contro l'allargamento del Centro Commerciale....
ma rimane aperto al dibattito il "destino-condiviso" del magnifico terrritorio della FranciaCorta...

Vale la pena che il Territorio FranciaCorta provi a "dire" la sua "ragione di esistere" anche ai cento milioni di italiani di 4^,5^....generazione nel mondo... mostrandosi capace di muoversi "come un sol uomo"?

Vale la pena ascoltare, vedere, toccar con mano, assaporare, gustare l'esperienza ultra centenaria del territorio dello Champagne in Francia...e di altri territori...?
FranciaCorta...Champagne...Territori.

lunedì 23 maggio 2016

NINO GALLONI: "Molto meno attenti sono gli esperti per quanto riguarda Derivati e TitoliTossici il cui attuale ammontare supera oramai i 4 -QUATTRO- Milioni di Miliardi di Dollari USA cioè 54 volte il PIL Mondiale.....

Ascoltare in Silenzio la Voci della Vita della Foresta...
di Nino Galloni (sintesi) 

 ....L’attenzione del pubblico, della stampa e degli esperti appare tutta puntata sui crediti. 

Questi ultimi vengono contabilizzati come sofferenze oppure ceduti; in realtà essi sarebbero unicamente mancati arricchimenti se la contabilità fosse corretta per calcolare nei proventi della banca non solo gli interessi ma anche la componente di capitale.

La banca contabilizza il prestito unicamente nell’attivo patrimoniale così nascondendo la componente capitale dal conto profitti e perdite; questo sarebbe corretto se e solo se la banca prestasse depositi ovvero danaro reale!

Molto meno attenti, poi, gli esperti appaiono per quanto riguarda derivati e titoli tossici il cui attuale ammontare supera oramai i 4 milioni di miliardi di dollari Usa cioè 54 volte il PIL mondiale!  Altro che la una volta virgola dei famigerati debiti pubblici rispetto al pil nazionale!

Perché scoppi una crisi come quella del 2008, seppure molto più grave, occorre che le banche centrali smettano di fornire mezzi monetari illimitati; oppure la catastrofe che avremo sarà di tipo nuovo: quindi non sappiamo né quando, né come sarà; pensiamo che sarà…ma tanto non siamo ancora preparati per affrontarla. 

D’altra parte, forse é complicato esser preparati ad affrontare non si sa cosa. Insomma: prepariamoci comunque a qualcosa che arriverà non si sa quando.

mercoledì 4 maggio 2016

FranciaCorta: Tempi Brevi, Medi, Lunghi sulle Cose da Fare, da Non Fare e da Rinviare... per Ripetere Adeguatamente la Storia dell'Esperienza del Territorio dello Champagne....

Ampliamento PorteFranche  progetto
della Moretti SpA Erbusco (BS)
Ad ErbuscoCentro si è discusso lunedì sera 2 maggio 2016 nel corso di una affollatissima assemblea, aperta a tutti, sull’ampliamento a VillaErbusco delle PorteFranche, centro commerciale che oggi conta un movimento di oltre 6 milioni di persone-anno.

Moderatore della serata il Prof.Tino Bino –docente alla Università di Brescia- e franciacortino Doc. Hanno relazionato, sul progetto di massima, la Moretti Spa ed il Sindaco del Comune di Erbusco.
utto in funzione della consultazione referendaria del 29 maggio p.v. che vedrà coinvolti di tutti gli elettori erbuschesi chiamati ad esprimersi con un Si od un No all’ampliamento del centro commerciale.

Diego Scarbolo, presidente del Ctg Longobardia e referente in Lombardia della associazione ambientalista Movimento Azzurro è intervenuto su due questioni.

In primis dicendo che l’ampliamento proposto della Moretti Spa, progettato per ora solo di massima, è “tutto-sottoterra” e ciò è soluzione davvero ottimale da ben sfruttare come soluzione percorribile da riproporre in modo fecondo in tutto il territorio della FranciaCorta. A partire dall’Autogrill di Erbusco sulla -frequentatissima- A4 che oggi non solo non ha nulla di ecologico ma ha la forza persuasiva capace di distorcere l’immagine qualitativa della FranciaCorta.

Ha ribadito inoltre che oggi appare ineludibile un’opera di intelligente mimetizzazione ( a partire dall'uso di adeguati fiori-piante ecc.) sulla parte di patrimonio edilizio esistente incoerente con tale immagine. Ineludibile per Erbusco la costante cura e valorizzazione del Paesaggio e dove serve, vedi Autogrill A4, la relativa mimetizzazione.

Però, attenzione. Le tecnologie necessarie per la soluzione “tutto-sottoterra” capaci di armonizzare –davvero- Paesaggio-Ambiente e modi di vita salutari sono delicatissime, costose e non ancora consolidate. Si contano esperimenti di Ospedali (paesi scandinavi) costruiti “sotto-terra” -ma non da italiani- e la cultura tecnologica per evitare effetti negativi sulla salute psico-fisiologica, in particolare dovuta alla carenza di luce naturale, appare ancora allo stato germinale, anche se esistono punte isolate di eccellenza tecnologica.
In definitiva, abbiamo bisogno di sapere di più e meglio per avere un convinto consenso degli abitanti sempre più allargato.

La seconda questione riguarda l’ampliamento in rapporto con tutto il Comune di Erbusco nel suo complesso. Erbusco, in sintesi estrema, si compone di tre campanili, due cimiteri e tre oratori (VillaErbusco, ErbuscoCentro e ZoccoErbusco) ed il suo territorio si estende lungo tutto il versante nord del MonteOrfano vero e proprio Balcone di Lombardia (è il monte che penetra maggiormente in Pianura Padana) e “Bene” da tutelare&valorizzare.

ErbuscoCentro, con le sue storiche dimore (da aprire) è oggi sbilanciato fortemente da una parte con VillaErbusco data la forte attratività della attigua Città di Rovato e dall’altra con ZoccoErbusco data la attratività della vicinissima Città di Palazzolo.
Una domanda. 
Questo nuovo allargamento delle PorteFranche, oggi svincolato -allo stato progettuale- da ragioni di senso con ErbuscoCentro, porterà alla accelerazione dell’inglobamento di VillaErbusco nella Città di Rovato?
La evoluzione in tal senso appare strisciante, non gestita, ma in questo quadro un fatto nuovo è da registrare. E sono le affermazioni di Vittorio Moretti, del patron del Gruppo Moretti, oggi Presidente del Consorzio Vini FranciaCorta, dettate ai giornalisti che hanno avuto grande rilevanza sulla stampa. In sintesi:
Il territorio FranciaCorta potrebbe, avendone oggettive condizioni,  diventare un territorio di valenza internazionale, tramite l’eccellenza del vino FranciaCorta, così come la storia ci mostra essere avvenuto per il territorio ed il vino Champagne in Francia.

Dentro questa logica -fattibile- ErbuscoCentro con le sue storiche dimore, sede del rinnovato consorzio vini FranciaCorta, potrebbe trovare molte ragioni di valorizzazione e aggregazione sia di VillaErbusco che di ZoccoErbusco e le PorteFranche essere le Porte Orientali di Ingresso in FranciaCorta, Tutta.

E’ ineludibile la complessità ed i tempi della proposta che tocca le dimensioni sociali, culturali, giuridiche, politiche, religiose ed economico-finanziarie…come ha toccato allora fortemente (dal 1927 ad oggi) il territorio dello Champagne e della sua promozione e difesa del brand -come vino da celebrazione- in tutto il mondo, nessun Paese escluso.

Insomma, la storia del territorio Champagne e la sua evoluzione nei componenti Prodotto, marketing, servizi, finanza…va studiata e capita bene per una possibile intelligente replica capace di coinvolgere tutto il territorio della FranciaCorta tutta, a partire da Erbusco.

Imperdibile sarebbe l’occasione di sentire dalla viva voce del Presidente Vittorio Moretti portatore di un “vissuto” capace di gestire lo “start up” di un progetto di tale complessità per la parte “for-profit”, accanto al preparato e competente Sindaco di Erbusco Arch. Ilario Cavalleri, per la parte “public”, sui tempi brevi, medi e lunghi relativamente alle cose da fare, da non fare e da rinviare a partire dal Comune di Erbusco ma a beneficio del territorio della FranciaCorta tutta, nessuno escluso.
Giorgio Spagnoli e Diego Scarbolo
di Movimento Azzurro

giovedì 14 aprile 2016

È Stata Pubblicata l'Esortazione Apostolica post-sinodale del Santo Padre Francesco sull'Amore nella Famiglia Amoris Laetitia,

Propaganda: "CONTA SOLO LA FINANZA"
Il Papa all'inizio del documento mette in guardia contro tutte le «letture generali affrettate» e ogni commento che non parta da un esame attento dell'intero documento.
.
Una premessa indica che «non tutte le discussioni dottrinali, morali o pastorali devono essere risolte con interventi del magistero», e precisa che «nella Chiesa è necessaria una unità di dottrina e di prassi, ma ciò non impedisce che esistano diversi modi di interpretare alcuni aspetti della dottrina o alcune conseguenze che da essa derivano». E il Papa mette in guardia sia contro il «desiderio sfrenato di cambiare tutto senza sufficiente riflessione o fondamento», sia contro «l’atteggiamento che pretende di risolvere tutto applicando normative generali o traendo conclusioni eccessive da alcune riflessioni teologiche».

Il primo capitolo presenta alcuni insegnamenti sull'amore familiare tratti dalla Sacra Scrittura. Il Papa nota che la Scrittura è una storia di famiglie, con le loro gioie e i loro dolori. 

Lo sguardo della Parola di Dio sulla famiglia è molto realistico. «Non si mostra come una sequenza di tesi astratte, bensì come una compagna di viaggio anche per le famiglie che sono in crisi o attraversano qualche dolore, e indica loro la meta del cammino».

Nel secondo capitolo, dalle vette del messaggio biblico il Papa scende ai «piedi per terra» della realtà attuale, che vede l'istituzione familiare ampiamente in crisi, anche se non va sottovalutata la sua capacità di resistere e va evitata una cultura della lamentela sterile. Il Papa cita fra le cause della crisi l'accelerazione del «ritmo di vita attuale» - un tema caro ai sociologi che studiano il tempo - e l'individualismo che induce molti giovani a diffidare del matrimonio e della famiglia o ad averne paura.
«Contraccezione, sterilizzazione o addirittura aborto» sono «inaccettabili anche in luoghi con alto tasso di natalità, ma è da rilevare che i politici le incoraggiano anche in alcuni Paesi che soffrono il dramma di un tasso  di natalità molto basso. Per le autorità, questo è «agire in un modo contraddittorio e venendo meno al proprio dovere».



Il terzo capitolo presenta il Magistero della Chiesa sulla famiglia. Un'ampia sintesi rivendica il carattere profetico e sempre attuale dell'enciclica Humanae vitae del Beato Paolo VI è dei testi di San Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI. Ribadisce che la Chiesa non può in alcun modo rinunciare ad annunciare la sua dottrina secondo cui il matrimonio è indissolubile, perché «nella stessa natura dell’amore coniugale vi è l’apertura al definitivo». 

lunedì 4 aprile 2016

E' pubblicato il Primo di Quattro Volumi del " Trattato di Informatica Umanistica" del Prof. Francesco Varanini, Macchine Per Pensare. L'informatica Come Prosecuzione della Filosofia con Altri Mezzi, Guerini e Associati

Macchine per Pensare
La vita quotidiana di ogni cittadino del globo terrestre è sempre più condizionata dall'uso di strumenti digitali.
L'uso del computer cambia "Tutto" anche il "Modo di Pensare".

L'informatica resta ancora un mondo affidato a "Tecnici" oggi "inconsapevoli sostituti dei filosofi".

Il nuovo libro di Francesco Varanini, Macchine per pensare, Guerini &Associati ci dice che l'informatica è la prosecuzione della filosofia con altri mezzi.

Il computer è pensiero codificato. Le macchine e i loro programmi sono -ineludibilmente- frutti di tradizioni filosofiche e di stili di pensiero.

"La filosofia è 'amore per la conoscenza', 'ricerca della conoscenza', 'costruzione di conoscenza'. Il filosofo è stato,fino a Galileo e Newton, un 'esperto totale' della conoscenza...esperto della conoscenza complessiva che comprendeva anche ciò che oggi chiamiamo scienza e tecnologia.

Con Galileo si è affermata la scienza sperimentale, con Newton si è affermata la descrizione matematica, formale, dell'universo. Gli stessi scienziati hanno finito per essere portatori di uno sguardo specifico, sempre più profondo, ma settoriale, sempre più lontano da una visione d'insieme.

Ciò che osserva e descrive il biologo è ben distinto da ciò che osserva e descrive il fisico; la stessa fisica si specializza: Fisica Teorica, Fisica delle Particelle, Fisica della Materia... Lo sviluppo scientifico porta con se l'impossibilità della visione d'insieme.

Il tradizionale compito del filosofo -garantire la visione d'insieme- pare oggi impraticabile.

Solo con gli strumenti dell'informatica è possibile gestire la sterminata massa di conoscenze che l'uomo è in grado di generare.

Il pericolo -che Varanini mette a fuoco in Macchine per pensare- è evidente. Un conto è se il compito di tenere insieme le conoscenze è affidato all'uomo. Un conto è se il compito è affidato a una macchina.

I tecnici dell'informatica si trovano a sostituire i filosofi. 
Ma non hanno una formazione filosofica. 
Sono solo abilissimi tecnici, abili solo a costruire e governare il funzionamento di macchine.

L'informatica è una disciplina orientata da sempre a scomporre la conoscenza un unità minime -i dati-.e a conservare poi i dati in modo da far sì che essi possano essere riutilizzati.

L'informatica, nel corso della sua storia ormai non breve -inizio anni '40 del secolo scorso- ha mostrato la propria capacità nello scomporre e nell'ordinare. Ma ha fallito tutte le volte che ha tentato di crescere verso una più complessiva 'intelligenza'.
L'Informatica ha fallito sul fronte della capacità di sintesi, di intuizione, di creatività. 

L'informatica ha cercato di dotare la macchina di queste capacità eminentemente umane.

Varanini sostiene che invece di cercare di incrementare le capacità delle macchine, immaginando che possano essere Strumenti capaci di sostituire la Persona Umana dovremmo tornare a considerare più pienamente queste macchine, i computer, come "Strumenti nelle Mani della Persona Umana".

Informatica Umanistica -espressione con cui si traduce l'inglese Digital Humanities- può voler dire cose diverse.
Secondo Varanini l'Informatica-Umanistica consiste nel considerare l'arte, la poesia, la letteratura, la filosofia -in genere il vasto campo della cultura umanistica- come fonte Base-Primaria di ispirazione per immaginare e costruire macchine in grado di accompagnare l'uomo nel Produrre-Conoscenza.

Gli altri volumi previsti -con il titolo complessivo di Trattato di Informatica Umanistica- sono tre.

Nel secondo volume si racconta la storia di vita di personaggi esemplari. Varanini ripercorre in modo dettagliato il passaggio dalla Logica formale&dalla Matematica al Computing.

Nel terzo volume Varanini affronta il cambiamento legato all'avvento dell'informatica nell'ambito editoriale e letterario.Il Web ci mette di fronte ad una conoscenza sterminata, sovrabbondante, un caos sul qualche ci affacciamo, estraendo di volta in volta quello che ci serve. La distanza tra pochi che scrivono e molti che leggono si sta assottigliando sempre più fino a scomparire...
.
Nel quarto volume Varanini pone al centro dell'attenzione il fatto che si possano immaginare e costruire macchine diverse. Viste dinamicamente come  "Migliori-Strumenti" nelle "Mani della Persona Umana Singola&Associata".

Varanini è sicuro che l'informatica sia importantissima, da un punto di vista sociale e politico.
L'informatica riguarda Tutti i Cittadini. "Non possiamo lasciarla nelle mani dei Tecnici."

Raccontare l'informatica liberandola dai tecnicismi e dai paroloni in inglese, ricollocandola nel quadro della storia e della cultura del nostro tempo: questo è il  Suo libro  "Macchine per pensare".

Francesco Varanini, Macchine per pensare. L'informatica come prosecuzione della filosofia con altri mezzi, Guerini e Associati, 315 pagine.

mercoledì 30 marzo 2016

Dottrina Sociale della Chiesa (DSC) Guerre ALLA Religione - Guerre DI Religione...Intervista (sintesi) all'Arcivescovo di Trieste mons.Crepaldi.....


“Guerre di religione, guerre alla religione”
.

Qual è il vostro punto di vista su questo tema?


Il tema che sottostà alle argomentazioni del Rapporto è la verità delle religioni e l’esistenza di una religione vera. Benedetto XVI a Regensburg nel 2006 aveva detto che ciò che non è conforme alla ragione non viene dal vero Dio. La guerra, a parte alcuni casi particolari che la morale cattolica ha sempre contemplato, non è conforme a ragione e ancora meno lo è la violenza scriteriata dei nuovi califfati e di chi sta loro dietro. Le guerre terroristiche, le guerre asimmetriche, le guerre che colpiscono i civili, le guerre che vendono e violentano le donne e i bambini non vengono dal vero Dio. Al contrario, viene dal vero Dio la religione dei martiri cristiani che in tutto il mondo sono vittime di una guerra non dichiarata – come sono ormai tutte le guerre dei nostri giorni. La religione cristiana si dimostra “dal volto umano”, come disse Benedetto XVI a Verona nel 2006, anche per questo: è testimoniata dai martiri e non dai carnefici.

Tutto questo che conseguenze dovrebbe avere per l’autorità politica?

L’autorità politica dovrebbe distinguere tra le religioni, anche a seguito della triste realtà delle nuove guerre di religione. Ma non lo fa, e continua a porre sullo stesso piano tutte le religioni, considerandole tutte come qualcosa di irrazionale. In questo modo, l’autorità politica non corre in aiuto dei cristiani perseguitati nelle varie parti del mondo, accoglie indiscriminatamente nel proprio territorio le varie religioni senza tenere in conto le esigenze del bene comune, non protegge al proprio interno la religione cristiana, che pure è fortemente intrecciata con la storia e la civiltà occidentali. L’autorità politica rinuncia a porsi il problema della verità (o falsità) umana delle religioni e nei loro confronti si pone quindi come moralmente “disarmata”. E’ per questo che essa importa le nuove guerre di religione nei propri confini, ospita e assistenzializza comunità religiose non integrate e addirittura antagoniste, coltiva dentro le proprie case i terroristi immigrati di terza generazione.

Quindi l’Occidente non reagisce alle guerre di religione perché troppo impegnato in una guerra alla religione …

E’ in atto in occidente una guerra alla religione, specialmente alla religione cattolica, che si attua non solo direttamente, impedendone molte manifestazioni pubbliche, ma soprattutto indirettamente, diluendo, fino a scioglierli, i presupposti naturali della religione stessa. La lotta alla religione cattolica indebolisce l’occidente nei confronti delle guerre di religione, oggi molto pugnaci al suo esterno ma anche al suo interno

martedì 23 febbraio 2016

Mons. Crepaldi (Arcivescovo di Trieste): " E' ineludibile che si debba fare del bene anche impegnandosi -davvero- per leggi giuste o sane politiche economico sociali...ineludibile una sana ed adeguata visione complessiva delle cose che la Dottrina Sociale della Chiesa (DSC) offre a tutti, nessuno escluso..."

Cattolico con baffi...
Intervista (stralci) a monsignor Gianpaolo Crepaldi, Arcivescovo di Trieste e Presidente dell'Osservatorio Van Thuan sulla Dottrina sociale della Chiesa (DSC), apparsa sul numero di Febbraio del mensile Il Timone (www.iltimone.org). Per l'intervista integrale chiedere una copia omaggio a info@iltimone.org.

C’è chi dice che i cattolici in politica non ci siano più?

... i cattolici impegnati in politica devono vedersi, perché altrimenti la loro non sarebbe testimonianza di fede...se ci sono, si vedono poco e in modo confuso.
 La visibilità cattolica in politica può essere di due tipi: personale, quando si sa che quel politico è cattolico, egli stesso lo dichiara e mantiene evidenti rapporti con la Chiesa; visibilità comunitaria, quando i cattolici agiscono uniti ed elaborano, nella loro autonomia di laici, strategie politiche che partano da una visione cattolica delle cose. 

Cattolici presenti in Parlamento: possono militare in tutti i partiti, per poi convergere uniti su leggi ad alta rilevanza etica?

...i fatti ci dimostrano che tale convergenza non viene mai attuata. Le recenti prese di posizione sul disegno di legge Cirinnà lo ha ulteriormente dimostrato....

Solo questione di tattica politica o carenza di adeguata "Visione"?

...parlamentari dichiaratamente cattolici ce ne sono pochi in questo Parlamento... e, tra costoro molti si riservano  un’ampia personale discrezionalità di scelte ....spesso senza ascolto delle indicazioni della morale cattolica o della Dottrina Sociale della Chiesa o degli appelli del magistero. 
...c'è una buona dose di confusione di pensiero..si vedono persone, che si dichiarano cattoliche, "pensare" che Dio dia solo consigli o proponga solo ideali..

Oggi, la dottrina sociale della Chiesa che momento sta vivendo nella nostra Chiesa e nel nostro Paese?
...un certo "Pastoralismo" vede tutto ciò che sa di dottrinale, di culturale, di teorico come un impedimento all’incontro pastorale col bisognoso...Pastoralismo che vede la fede solo come un agire e non anche uno studiare ed un pensare....si percepiscono pulsioni ansiose pastorali di incontrare presto e subito i bisognosi....e vediamo così cause sbagliate, produzione di danni e creazione di nuovi disagi.... vengono così marginalizzati i problemi di struttura e di buona e sana organizzazione della vita pubblica.... tutto si concentra solo su forme corte di solidarietà...
E' ineludibile che si debba  fare del bene anche impegnandosi -davvero- per leggi giuste o sane politiche economico sociali...ma come farlo senza una sana ed adeguata visione complessiva delle cose che la dottrina sociale della Chiesa offre?

lunedì 22 febbraio 2016

Mariana Mazzucato (Economista Univ. del Sussex-GB-): "..Mancano Investimenti...in Italia il PIL NON CRESCE da Venti Anni...Roma è Più Pericolosa di Atene..."

Dove Sono gli Investmenti?
Intervistata oggi sul quotidiano La Repubblica la -ormai famosa- docente universitaria ed apprezzata economista Mazzuccato ribadisce che:
" ..l'accordo tra UE e Gran Bretagna (GB) ha forte valore simbolico ed il rischio di contagio è evidente ...da oggi ogni nazione si sentirà svantaggiata...il problema della solidarietà tra nazioni è ancora -purtroppo- troppo aperto..."

" ..il sistema finanziario non è stato riformato e resta debole ...e le Banche continuano a finanziare sè stesse e non l'economia reale..."

"...le imprese investono solo quando vedono opportunità di crescita ( abbassare le tasse o il cuneo fiscale non stimola gli investimenti!) ..Renzi ha fatto riforme simboliche come il Jobs Act non ha scommesso sul capitale umano e innovazione nè su una più efficace e intelligente Pubblica Amministrazione... si usa la Cassa Depositi e Prestiti per aziende in difficoltà e non, come fa la tedesca KfW, per far crescere e sviluppare -in  modo sano-i settori d'avanguardia come ad esempio le energie alternative..."

Una Manovra Correttiva? ( insomma... ancora tasse?) "...in Italia il PIL non cresce da VENTI ANNI...Roma è PIU' Pericolosa di Atene..." 

mercoledì 17 febbraio 2016

"Il Nostro Debito Pubblico finché lo Garantisce la Banca Centrale Europea Può Anche Triplicare. Ma se la BCE Gira il Pollice noi Crolliamo come un Castello di Carte. Basta Ripetere il GIA'FATTO con la Grecia..."


La Grecia  è entrata in crisi nera ed è stata costretta a chiudere le Banche quando la Bce ha detto che non rifinanziava più il famoso 'ELA' -la liquidità d'emergenza per le Banche-. 

La BCE può farci fallire anche domani, 
BASTA che dica che le banche non sono più garantite, BASTA che dica che il debito sovrano dell'Italia non è più garantito o 
BASTA che dica che il nostro debito non rientra tra i titoli acquistabili con il 'Quantitative Easing' per i più vari motivi, anche inventati.... 
Stando così le cose noi siamo già "letteralmente morti".

Ecco perchè il nostro è un governo coloniale dove il RE ordina e il reggente di turno DEVE eseguire.

Soluzione: Riacquistare Sovranità Monetaria. 
Serve Una Politica Adeguata.

martedì 16 febbraio 2016

Le Onde Gravitazionali: "Sono una Realtà"... "Siamo Entrati in un Nuovo Universo."....

I nostri sensi ci rivelano che è il Sole a girare attorno alla Terra e che lo Spazio esiste per sè, e che il tempo scorre...ecco noi dobbiamo disfarci da questa idea di spazio e di tempo...la gravità che fa cadere una penna è la stessa che che tiene assieme migliaia e migliaia di tonnellate di gas del Sole...
Il Principe Verde Entra in Un Nuovo Mondo....

venerdì 5 febbraio 2016

Draghi: «Forze globali cospirano per tenere bassa l’inflazione»....ma se la BCE Continuerà a Svalutare i Salari, l’Euro Non Si Salverà...

Mare d'Elisa...Pesci Abboccanti...
e complotto…
Draghi: «Forze globali cospirano per tenere bassa l’inflazione». Lo ha detto il Presidente della Bce, Mario Draghi, in un discorso a Francoforte in una lecture alla Suerf Conference organizzata dalla Bundesbank a Francoforte, spiegando che «queste forze potrebbero far si che l’inflazione ritorni più lentamente verso il nostro obiettivo. Ma non vi è alcuna ragione per cui esse dovrebbero portare ad una inflazione più bassa in modo permanente».

...sarà tutta da verificare l’efficacia del nuovo esperimento in corso a livello mondiale.... default e ristrutturazioni di massa

DEFLAZIONE DA DEBITI: COSA POTREBBE ACCADERE …

... tutto da leggere questo articolo Draghi : pour sauver l’euro, il va falloir sacrifier vos salaires !! Per salvare l’euro siete pronti a sacrificare i vostri salari?

... se la BCE continua a svalutare salari, l’euro non lo salva neanche per sbaglio e l’inflazione la rivede, forse, tra vent’anni...

...se si vuole la vera inflazione si deve mettere in atto il:
…QUANTITATIVE EASING FOR THE PEOPLE

giovedì 4 febbraio 2016

“FranciaCorta Meglio di Champagne”. Parola di Vittorio Moretti ...Erbusco (BS) Capitale del "FranciaCorta"...vedi pivari.com...

       Il "FranciaCorta" Meglio-di-Champagne parola di Vittorio Moretti, nuovo Presidente del Consorzio FranciaCorta (little france) illustra il programma del suo mandato. Obiettivo, 20 milioni di bottiglie: Internazionalizzazione, EnoTurismo (valorizzazione del Territorio, in primis il Paesaggio), Incremento Produzione...


Riprendiamo da pivari.com


Da Wikipedia Italia: Il FranciaCorta è uno spumante a DOCG la cui produzione è consentita in provincia di Brescia. Prende il nome dall’omonima zona, la FranciaCorta.

La UE riconosce al FranciaCorta insieme all’Asti e al Marsala, (gli unici 3 casi italiani) la possibilità di indicazione senza altri termini qualificativi: pertanto, è più corretto/legittimo dire “FranciaCorta” e non “spumante FranciaCorta”, esattamente come accade, da secoli, per lo Champagne.


Splendida definizione di una splendida realtà nazionale anche se la definizione Wikipedia Italia sembra poi alla fine genuflettersi allo Champagne.

E cosa pensa Wikipedia Francia del/della FranciaCorta?
Le FranciaCorta (Curtes francae) est une région du nord de l’Italie (du côté de Brescia) où l’on fait des vins tranquilles rouges et blancs ainsi que du pétillant méthode traditionnelle (double fermentation) dont du bio. Tutto qui, senza una fotografia senza ulteriori informazioni.

Provate a confrontare queste descrizioni su Wikipedia Italia e Francia per le voci Champagne ed anche Prosecco.
E.... quale è la percezione della gente comune?

e...quale percezione hanno, ad esempio, i Cinesi?

IL GRUPPO CTG -Centro Turistico Giovanile- PROTAGONISTA DELL’ANIMAZIONE CULTURALE NEL TERRITORIO A FAVORE DI TUTTI, NESSUNO ESCLUSO....


  PRESIDENZA NAZIONALE CTG
 SNAC- Scuola Nazionale di Animazione Culturale
 applicata al Patrimonio Storico-Artistico-Ambientale
                                                                                                          



IL GRUPPO CTG PROTAGONISTA
 DELL’ANIMAZIONE CULTURALE NEL TERRITORIO
   SEMINARIO TECNICO – CREATIVO  DEL  PROGRAMMA 
S I S T E M A N I M A Z I ONE

                      ROMA,   venerdì 19-domenica 21  FEBBRAIO 2016
               Kolping  Hotel – Casa Domitilla,  via delle Sette Chiese,280


La sperimentazione condotta dal CTG nel campo dell’animazione culturale applicata al patrimonio storico-artistico-ambientale dura  da oltre 30 anni.

La diversità delle prassi maturate nelle varie realtà territoriali impone ormai un’armonizzazione di metodi e strumenti, con l’obiettivo di arrivare ad un coordinamento nazionale e nel contempo ad un omogeneo  modo di porsi, almeno nelle linee essenziali, sia nei confronti dei destinatari delle azioni che delle istituzioni politiche, amministrative e socio-culturali.  Si tratta insomma di realizzare  quel “SistemAnimazione” che abbiamo individuato  come il progetto educativo destinato a  caratterizzare la vita del CTG e la sua funzione nell’attuale società.
L’evento che viene qui proposto non è un convegno, in cui c’è chi parla e chi ascolta. E’ un seminario tecnico ad invito, in cui sono chiamati ad esprimersi i rappresentanti dei Gruppi Ctg che hanno esperienza di animazione culturale. Ma l’evento interessa anche coloro che stanno iniziando questo cammino o hanno a cuore il farlo.
Alcuni ESPERTI introdurranno i temi, su cui poi i TAVOLI (con una decina di partecipanti ciascuno) svilupperanno il dibattito in un’atmosfera non formale. Per ogni  tavolo è prevista la presenza di un FACILITATORE, con il compito di agevolare l’intervento  di tutti e di registrarne la sintesi.
La sezione dedicata alla BAC-BORSA DELL’ACCOGLIENZA CTG vuole promuovere ulteriormente la partecipazione diretta e lo scambio delle esperienze fatte e dei progetti futuri.
               
                                                   
PROGRAMMA DI MASSIMA
VENERDI’ 19 FEBBRAIO
Pomeriggio      arrivi,  sistemazioni e cena alle ore 20
Ore 21.30            Incontro partecipanti. Presentazione tipologia e caratteristiche dell’attività svolta da ciascun Gruppo Ctg.     

SABATO 20 FEBBRAIO  
Ore 9.00              Introduzione al Seminario,  Giuseppe Marangoni, Presidente nazionale del CTG
Ore 9.30              L’ANIMAZIONE CULTURALE E AMBIENTALE     ( attività e contesti  di riferimento:  città, borghi, musei, biblioteche,parchi, studi e ricerche,pubblicazioni,tradizioni, rievocazioni, cammini, corsi per la conoscenza del territorio,promozione, formazione,eventi, turismo sostenibile e accessibile, ...)          Maurizio Delibori, coordinatore veneto ACA Ctg  
Ore 11.00            Tavoli di discussione.
Ore 13.00            pranzo e, a seguire, visita guidata alle vicine CATACOMBE DI DOMITILLA
Ore 16.15            L’ANIMAZIONE CULTURALE EDUCATIVA. Gioco e dintorni: tempi, spazi, luoghi
.....gioco, animazione, piacere
.
 (attività e contesti di riferimento: doposcuola, ludoteche, biblioteche, musei,bottega delle arti ( musica, teatro,pittura,  fotografia, artigianato, ...), centri di animazione estiva, campus estivi,trekking, campi mobili, orienteering urbano e ambientale,scuola di vela e sport liberi...      Andrea Ceciliani,  Università di Bologna
Ore 17.00            Tavoli di discussione
Ore 18,30       BAC - Borsa dell’Accoglienza Ctg. I Gruppi presenti avranno a disposizione un tavolo di proposta e “venditadel proprio territorio con propri animatori.
Ore 20.00            cena e, a seguire,  viene proposta una  piacevole camminata romana by night

DOMENICA 21 FEBBRAIO
Ore 9.00              L’ATTIVITÀ DEI GRUPPI  DI ANIMAZIONE CULTURALE. Aspetti giuridico-amministrativi-istituzionali.     (problematiche di riferimento: inquadramento figura animatore culturale, gestione amministrativa-fiscale del Gruppo ACA,ruolo volontari e operatori,convenzioni con Enti, vademecum comportamentale dell’animatore,attività di formazione e informazione, scuola, garanzia giovani, alternanza scuola-lavoro, definizione univoca della figura su tutto il territorio, ecc).          Alberto Ferrari, Segretario Generale del  Ctg
                                  Marco Cipriani, Enrico Diamanti, Movimento Celestiniano 

Ore 10.15            Tavoli di discussione
Ore 11.30            Conclusioni del Presidente nazionale
Ore 12,00           S. Messa e,  a seguire, il  Pranzo,  con i saluti e le partenze.


NB: La partecipazione è riservata ai dirigenti, animatori e soci invitati, in possesso della tessera Ctg 2016.

Per info: contattare Presidente del Ctg-Longobardia
 scarbolo@gmail.com 


mercoledì 3 febbraio 2016

Prof.Gilberto Muraro inaugura il corso di Storia con una conferenza sulla Imprenditoria Italiana nel secondo dopoguerra presso archivio di Stato di Rovigo..


Per il prof. G. Muraro gli  imprenditori del Miracolo Economico Italiano 1945-1969  sono stati:

Sinigallia Oscar Finsider
Mattei Enrico Eni
Cuccia Enrico Mediobanca
Mattioli Raffaele Banca Commerciale Italiana

Gli Imprenditori Italiani da ricordare:
Valletta, Pirelli, Olivetti,Marzotto, Valerio, Faina, Costa, Zanussi, Borghi, fratelli Comunello (della San Remo confezioni) 

La svolta negli anni '70 caratterizzati da una crescita rallentata ed irregolare...

domenica 3 gennaio 2016

California(USA): Un Disegno di Legge: gli "Eletti" Costretti ad Indossare i "Loghi" dei Loro Dieci Principali Finanziatori. Esattamente come i Piloti di Formula Uno:"Vedi Subito Chi li Sponsorizza..".....

Bandiera USA con scritto "Venduta alle Multinazionali"...
La politica negli Stati Uniti d'America è, ormai acclarato da numerosi studi, "Fatta"(messa in pratica) da personaggi "tenuti al guinzaglio" dai Lobbisti, diventati ormai una vera e propria classe sociale.

Lo stesso Congresso Usa è sempre pronto  alle capricciose esigenze dei  "Finanziatori della Vittoria Elettorale dei suoi Singoli Membri".

Dalla California(USA) una proposta di legge potenzialmente rivoluzionaria:gli Eletti saranno costretti ad indossare il logo dei loro dieci principali Finanziatori. 

Esattamente come per le tute dei piloti di Formula Uno che esibiscono ovunque i loghi dei loro sponsor.

 "Immaginate: un senatore della California  parla di un disegno di legge in grado di dare alle compagnie petrolifere enormi vantaggi fiscali. Immaginate che sulla giacca sia costretto ad indossare i loghi di Chevron, Shell, BP e dei suoi primi dieci finanziatori..."

Questo senatore si mostrerà -de visu- semplicemente per quello che è:" UN FINANZIATO". 

Così dichiara John Cox, promotore della proposta di legge, imprenditore, politico e da sempre promotore di una riforma della legislatura della California, troppo piena, e da troppo tempo, di Scandali e Corruzione...

Cox, nota che: "...tutto questo immenso fiume di denaro verso la politica proviene in larga parte da Aziende-Ricche e da "Interessi" che vogliono Legare a Sè gli Eletti. Bisogna che la gente inizi a prendere i provvedimenti per mantenere la Corruzione degli Oligarchi fuori dalla politica della California e da quella degli USA”

sabato 2 gennaio 2016

2016: "Nessuno Ha Una Chiara Idea di Cosa Fare...Ma Per Governare I Progetti Sono Necessari." di L.Annunziata su H.post.it.....

"...ecco, se oggi dovessimo individuare il punto esposto della nave italiana lo indicherei in questo muoversi nelle nuove condizioni, scivolandovi dentro, più che affrontandole. Chiaro segno del fatto che nessuno ha una chiara idea di cosa fare

E non parlo qui solo del capo del Governo Renzi, ma di una intera classe dirigente - Ministri, Presidenti di Commissione preposti, Parlamentari, autorità istituzionali dal Quirinale in giù e infine, ma non ultimi, vertici di tutte le forze armate dello Stato

Non ricordo a mia memoria (ed è lunga) una fase così difficile trattata con uguale sciatteria. Lo capiamo. È difficile avere grandi progetti. Ma per governare, in tempi come questi, i progetti sono necessari. E il paese non è stupido: l'incertezza si avverte." (L. Annunziata da Huffington Post.it)

venerdì 1 gennaio 2016

Governatore d'Italia...Coraggio...Parole&Fatti ....Distinti ma Mai separati....



..."perché lunedì sul Fatto c’era una esilarante intervista di Alessandro Ferrucci a Massimo Ceccherini. A un certo punto Ceccherini parlava di Renzi. E ne parlava in una maniera forse rivelatoria. Lo riporto fedelmente: “Bar di Firenze, anni Ottanta. Con gli amici ci trovavamo sempre lì, ci passavamo i pomeriggi. Chi eravamo? Beh, io, Leonardo Pieraccioni, Carlo Conti e Giorgio Panariello. Quante ne abbiamo combinate, a tutti. Anche a Renzi. Da bambino ha subìto uno dei primi casi di bullismo: quando passava dalle nostre parti, poteva accadere qualunque cosa. Dai gavettoni a crescere: io ero specializzato nel grattargli la testa con le nocche. Urla di dolore. Una volta è andata anche peggio: gli abbiamo tirato giù i pantaloni e lo abbiamo frustato sul culo con l’ortica. Però devo ammettere una cosa: non se la prendeva, e noi a insistere”.

Diciamo la verità, ragazzi, e diciamolo con l’ironia greve tipica dei toscani: forse abbiamo (hanno) dato l’Italia in mano a un “bischero”. Forse, oggi, il sedere è nostro. L’ortica la tiene in mano lui. Tanti, tra gli italiani, non se la prendono. E lui a insistere.
"