sabato 16 dicembre 2017

TANTISSIMI AUGURI A TUTTI DI UN BUON SANTO NATALE 2017


domenica 23 luglio 2017

10 Principale Motivi per Visitare Sydney......

....Australia...


1.Bondi Beach ....e' una delle spiaggie piu' famose al mondo...
2.Sydney Opera Hause....Unesco Site....
3.Sydney Harbour ....il Porto di Sydney..
4.Taronga Zoo...su 28 ettari con tutte le specie di animali...
5.Royal Botanic Garden & the Domain ...collezione ineludibile al mondo del mondo vegetale..
6.Sydney Habour Bridge...il Ponte che puoi scalare...imperdibile...
7.Art Gallery of New  South Wales....aperta al pubblico nel 1901 con numerose opera d'arte...
8.Darling Harbour....aquarium...maritime museum..
9.Powerhause   Museum....decorative arts ...scienza e tecnologia...
10.The Rocks and Circular Quay.....quartiere storico di Sydney ...imperdibile....





giovedì 27 aprile 2017

Un Libro Imperdibile di Luigi De Luca sul "DNA del Gelato di Tradizione Artigianale Italiana": VIVERE PER LA DOLCEZZA DELLA GIOIA DI MANGIARE IL GELATO e MANGIARE IL GELATO PER LA DOLCEZZA DELLA GIOIA DI VIVERE.

Dossi Dossi
VIVERE PER LA DOLCEZZA DELLA GIOIA DI MANGIARE IL GELATO e  MANGIARE IL GELATO PER LA DOLCEZZA DELLA GIOIA DI VIVERE.

Sono due cose certissimamente molto ben distinte ma, non sono, da considerare radicalmente separate.

Questa, mi pare, sia una possibile sintesi, certamente provocatoria, della prima edizione italiana, in attesa della edizione australiana, dell'imperdibile libro di testo sul GELATO-t.a.i. (Tradizione Artigianale Italiana) di Luigi De Luca, Sydney, con radici-di-sangue italiane.

Ho avuto il grande piacere di conoscere Luigi nel mio primo soggiorno, a Sydney, in occasione della nascita del mio nipotino Leonardo, primogenito di mia figlia Sofia e di Fernando, australiano con radici-di-sangue italiane e messicane. L'incontro con Luigi e' avvenuto alla fine della presentazione di un libro in cui veniva offerto, in un piccolo bicchierino di carta con infilata la classica palettina colorata di plastica, un assaggio del suo gelato.

Ho viaggiato in tutti i continenti -e conosco abbastanza bene la Sicilia e le sue tradizioni in cucina- e mai mi sarei aspettato, a Sydney di assaggiare un Gelato-tai che aveva del grandioso, corrispondendo -perfettamente- alla definizione che ne da' Luigi come scrittore (e che e' capace a produrre -da Maestro-):”...un armonioso e rinfrescante dessert che deve lasciare freschezza ,naturalezza e morbidezza al palato.”

E chi e' stato capace di dare una definizione come questa. E chi e' stato, nel contempo, capace di produrlo cosi' come lo ha definito. Non e' -assolutamente- esentato dallo scrivere un libro di testo sul Gelato-tai come parola, come concetto e come esperienza di vita. E lo fatto. E con merito.

Conobbi cosi' Luigi e la sua “Cremeria” a Five Dock che e' divenuta: meta imperdibile di ogni viaggio a Sydney. Ed in aprile, di questo 2017, incontro Luigi e mi chiede, ed io ne sono onorato, un parere sul suo libro.

Cosi' nascono queste note di presentazione al suo libro di testo.

Lo scrivo da nonno a nipote australiano, di Sydney, affinche', quando sara' in grado, lo legga, con adeguata attenzione. Sono certo che gli sara' utile e conveniente ed opportuno.

Prima o poi, carissimo nipote, quando ti troverai difronte alle tue radici di sangue italiane, ineludibilmente, troverai chi ti parlera' della “Dieta Mediterranea” (Patrimonio Ereditario Culturale Immateriale della Umanita' UNESCO)....e davvero potrai pensare che su quella ”Tavolata Mediterranea” manchi il Dessert e in particolare manchi la Dolcezza del GELATO di Tradizione Artigianale Italiana (GELATO-t.a.i.) ?

E dico subito che spero, quando mi leggerai, che la Regione Sicilia si sia gia' fatta promotrice ed abbia gia' ottenuto il riconosciemento Unesco per il GELATO-tai.

E riaffermo, con Silvano Agosti, ed in sintonia con questo libro, che il primo Patrimonio della Umanita', premessa a tutto ed a qualsiasi altra cosa si voglia chiamare Patrimonio, e' ogni Persona Umana di questo piccolo astro posto nell'universo, nessuna esclusa.

Ray Kurzweil (lo scrittore di “Singularity”) prevede “per il 2030 uno scenario in cui il pensiero biologico sara' ibrido con il pensiero nonbiologico” e “per il 2040 la predominanza assoluta del pensiero nonbiologico” ed allora, nel 2040,“ non riusciremo nemmeno ad immaginare di 'vivere-senza' quelle tecnologie”

E' ormai certo che, quando leggerai, saranno tramontate le attuali “cornici di senso”, e lo sa anche Luigi con il suo 'GELATO-tai QUANTICO” di cui scrive dettagliatamente. Pero' sappi che questo libro e' parte ineludibile dell'accumulo sapienziale della tradizione artigianale italiana.

E' capace di dire e di far vedere ed ascoltare sempre, pazientemente, “distinguendo e mai separando” il senso del gusto, ed in particolare l'arte della dolcezza, da quello della vista, dello udito, del tatto ed olfatto della tradizione artigianale italiana.

E dice e fa vedere e fa toccare con mano che vale -davvero- la pena di educare- adeguatamente- ogni singolo senso senza mai perderne la ricchezza dell'insieme.

Certamente tutto questo e' finalizzato per rendere piu' “ricca” la persona umana di origine biologica. Ma nulla impedira' di 'andar oltre la biologia'. Ma questo “andare oltre” spero non impoverisca la ricchezza gustativa che hai dentro di te, sin dalla nascita.

E qui “ricchezza” non vuole dire solo, nella nostra bella e dolce lingua italiana, “avere tanti soldi” ma molto, molto, molto di piu' dice di una vera pienezza umana. Ed anche nell'inno ufficiale dello Stato Federale Australiano si parla di “ricchezza” e proprio nella stessa logica di senso.

Questo libro e' anche un dono all'Italia ed all'Australia proprio perche' accumulino sempre piu' ricchezza nelle distinte ma non separate dimensioni culturali, sociali, guridiche, politiche, religiose ed economico-finanziarie. Ma e' anche , basta leggerlo, un dono alla Umanita' tutta.

L'Autore e' Maestro e Facilitatore ormai riconosciuto tale a livello internazionale. Conosce bene e dice -bene- della Potenza scientifica-tecnologica della industria alimentare e riconosce il potente primato che dagli Usa si allarga a tutto il globo. Sa anche che siamo, molto, addentro ad una “Money-Society” alla cui “base delle decisioni” predomina, spesso senza alcuna discussione, il solo, ma potente, denaro.

Prende atto di questa Potente Sovranita' Scientifico-Tecnologica ma, da amico vero della sana industria, a lei si dirige con questo libro affinche', la sua direzione strategica ed il suo management, valutino, davvero sino in fondo, la loro convenienza ad agire. E confida, perche' li ritiene capaci, di allargare il loro sguardo non solo sulla base dei costi e ricavi rivolti al breve periodo, ma anche dei costi/benefici e dei costi/efficacia, sia nel medio che lungo periodo. Per loro e per la comunita' tutta di cui fanno parte.

Il Gelato-tai, ripete piu' volte, nasce da ingredienti semplici. Ed e' 'dentro' la ricchezza della filiera agricola-biologica della tradizione italiana, ed anche australiana, per cui gia' abbiamo potuto assaggiare proprio nella Cremeria De Luca a Sydney, l' AussieGELATOtai. che in una prima traduzione potrebbe essere “Gelato Australiano di Tradizione Artigianale Italiana”.

Ecco mostrato, e tutto da assaggiare, l'accumulo sapienzale oggi australiano capace di fare propria una tradizione ed di andare oltre il troppo povero, come parola, come concetto e come esperienza di vita “ghiaccio-crema (ice-cream)”

Insomma e' anche un aiuto alla “Industria” a valorizzarsi, davvero, “in pienezza” ed anche una richiesta di aiuto alla “Industria” a valorizzare, utilizzando bene la sua potenza scientifico-tecnologica, il Mestiere del Gelatiere, ovunque sia nel mondo, di Tradizione Artigianale Italiana.

Certo GELATO-tai come parola,come concetto e come esperienza di vita. E nel libro c'e' la storia di esperienze di vita, e molto bene illustrate con fotografie molto belle e significative, di Luigi il cui accumulo -consapevole- di conoscenze in tutto il mondo e' davvero notevole; della famiglia d'origine a Messina e della sua famiglia.....ed e' in questo suo scritto ed in queste sue belle fotografie che valorizza pienamente il concetto di GELATO-tai, “povero e nobile allo stesso tempo”, come Patrimonio Culturale Immateriale della Umanita' tutta, nessuno escluso.

E scrive -tantissime- ricette, in modo nuovo e con una profondita' graziosa, dando ad ognuna di loro “una sana, bella e buona ragione di esistere” e ad ognuna viene assegnato un “nome” cosi' le personifica per dare loro un'etica: di sapere chi sono e cosa devono fare.

Ricette capaci di toccare tutti gli aspetti della vita in comune delle persone... e cosi' mano a mano leggiamo un 'rosario di nomi': “Gelato-Quantico, MultiEtnico, Nelson Mandela, Petali di Camelia, Violetta, Penitenza, Gelsomino. Vegano, Islam, Mistico, Carciofo Sardo, Koscher, Empatico, Beneficienza, Pelo nell'Uovo, Armellina, Affumicato, Afrodisiaco,Terapeutico, Olistico, Funzionale..”...insomma ci fa viaggiare in direzione opposta alla poverta' del disegno della “unificazione dei sapori a livello mondo”....

Luigi, con questo suo libro e' dalla parte “giusta” della storia? Lo dira' in modo definitivo la Storia.

Oggi, dico di Si, perche' parla all'uomo di oggi, non di ieri. Ma sa di parlare un poco anche all'uomo di domani perche' e' Maestro (sa di sapere quello che fa e lo fa molto bene) ed e' anche Facilitatore (capace di dare aiuto nell'andare umano e nella capacita' di saperlo misurare).

Tu, nipote carissimo, quando leggerai questo libro ti invito a rileggere i passi del Vangelo, Atti 8,30-1 quando l'Angelo chiede al viaggiatore che stava leggendo il profeta Isaia:“capisci quello che stai leggendo?” e quegli rispose:” E come potrei se nessuno mi istruisce?”

Si, abbiamo bisogno di Maestri, anche nel tempo di sviluppo esponenziale della Potenza Scientifica-Tecnologica. “Capaci” di “Empatia” come la definisce Edith Stein “di saper apprendere tramite l'altro -persona umana-”

Ed ancora qui troverai, come un flio che lo percorre ed unisce, il concetto che mai, e poi mai, va dispezzato il Corpo Umano di origine biologica perche' non si e' mai vista anima umana senza corpo umano.

E che si apre non una semplice strada, ma una vera e propria autostrada, che porta al disprezzo del corpo se viene a mancare l' Educazione al senso del Gusto (Dolce, Salato, Aspro, Amaro, Speziato...) sempre distinta e pero' -mai- separata dagli altri sensi.

E ancora, sui Giudici del GELATO-tai.....e' meglio avere “Giudici in libera uscita” o Giudici che applichino una normativa pensata ragionata, e formulata bene, dai pochi Maestri Saggi...e tutte le considerazioni di Luigi, scritte camminando sulla “Strada del vero”, appaiono davvero sagge...parla bene, pensa bene, scrive bene....ed e' uomo di fede, Salmo 27-28 “..sono certo di contemplare la bonta' del Signore nella terra dei viventi...”

“..la mente della persona umana vuole abiti, forse, di piu' dei nostri corpi...” (Samuel Buttler)

La Volpe urla ovunque Liberta', Liberta', Liberta' ... “Libera volpe in Libero Pollaio”...ma prima viena la Verita'...La Verita' che: “il Pollo e' Pollo e la Volpe e' Volpe”...

E va riconosciuto ai “Grandi Italiani” che per quanto sia stato aspro ed anche, a volte, molto doloroso, camminare sulla “Strada del Vero”, il loro dire ha anche il suono dolce della esperienza-vissuta del mestiere di vivere.

Ma io non sono solo nonno di Leonardo, australiano nato a Sydney, con radici di sangue italiane e messicane ma nonno anche di Elisa, Francesco e Ilaria, e zio di Pietro ed Emma tutti loro italiani con radici di sangue italiane.

Questa prima edizione del libro di testo sul GELATO-tai e' per tutti Loro e, se lo vorranno, sono certo li aiutera' ad educare il loro senso del gusto valorizzando l'intera loro persona umana.

Spero coltivino ed assaporino la dolcezza dello “stare assieme”, come gli ho visto fare da piccoli, assieme, davanti ad un gelato-tai. E, nei loro occhi giovanili, intensa appariva la voglia di non perdere la gioia di vivere sotto questo bel sole e sotto questa bella pioggia sino a quando il nostro Buon Dio lo vorra'.

Diego Scarbolo

tratto da Goethe: “Viaggio in Italia”... davanti al Ponte delle Torri a Spoleto:
“L'arte architettonica degli antichi e' veramente una seconda natura che opera conforme agli usi e scopi civili...e adesso soltanto sento con quanta ragione ho sempre trovato detestabili le costruzioni fatte a capriccio...un nulla che serve a nulla...e cosi' dicasi di mille altre cose, cosi' tutte nate morte, perche' cio' che ha veramente ragione di esistere non puo' essere grande ne' diventare grande”.

martedì 21 febbraio 2017

Financial Times, Wolfgang Münchau: Indipendenza della Banca Centrale?....Sempre Più in Discussione anche in USA.....

.....CASA COMUNE ....

MÜNCHAU: C’È SEMPRE MENO CONSENSO SULLA"INDIPENDENZA" DELLA BANCA CENTRALE

Sul Financial Times, Wolfgang Münchau torna a parlare del tema dell’indipendenza della Banca Centrale, messa in discussione sempre più apertamente anche negli Stati Uniti. Münchau sostiene che in democrazia l’indipendenza della Banca Centrale è sostenibile solo se c’è consenso unanime sul suo mandato.
 L’attività della Banca Centrale, tuttavia, richiede spesso dei compromessi tra obiettivi diversi, e questo non può prescindere dalla decisione politica.
Se si sollevano -sempre più spesso- voci di protesta verso le banche centrali implica che l’unanimità sta venendo meno, e con essa la giustificazione democratica della loro “indipendenza”.


di Wolfgang Münchau, 19 febbraio 2017

La politica monetaria implica compromessi che sono di natura fondamentalmente politica.
È difficile trovare un simbolo più potente della lettera scritta da Patrick McHenry a Janet Yellen per rappresentare i cambiamenti che stanno per avvenire nel nostro ordine economico liberale. Il vicepresidente della commissione per i servizi finanziari della Camera dei Rappresentanti americana ha messo in discussione il diritto del Presidente della Federal Reserve di poter trattare le regole della stabilità finanziaria “con i burocrati globali in terre straniere senza … l’autorizzazione a farlo“. Raramente l’opposizione alla globalizzazione finanziaria è stata espressa in termini così concisi.

La lettera solleva due questioni. Ci sono ancora le condizioni politiche per l’indipendenza della Banca Centrale negli Stati Uniti e nel mondo? Se sì, quali dovrebbero essere i limiti del suo mandato?

La mia risposta alla prima questione è “sì e no”. Le condizioni per l’indipendenza della Banca Centrale non sono più presenti in tutti i paesi, e anche dove ci sono, bisogna garantire che l’indipendenza sia strettamente limitata agli aspetti centrali del mandato della Banca. Questi aspetti differiscono a seconda delle giurisdizioni. Il Federal Reserve Act stabilisce che il ruolo della Fed è quello di massimizzare l’occupazione, garantire la stabilità finanziaria e moderare i tassi di interesse a lungo termine. Il mandato primario della Banca Centrale Europea è invece quello di garantire la stabilità dei prezzi, mentre per la Banca di Inghilterra è quello di raggiungere un determinato livello target di inflazione.

Dobbiamo ricordare che l’indipendenza della Banca Centrale non rappresenta l’ordine naturale delle cose. Fino a non molto tempo fa la maggior parte delle banche centrali erano semplicemente istituzioni pubbliche, ed erano soggette a direttive politiche che spesso venivano dal Ministro delle finanze. Divennero indipendenti dopo che un periodo di instabilità dei prezzi negli anni ’70 e ’80 ha generato in molti paesi un consenso su quale dovesse essere il ruolo della banca centrale. Se quasi tutti concordano sugli obiettivi di una politica tecnicamente complessa, allora – questo è l’argomento a favore dell’indipendenza della Banca Centrale – staremo tutti meglio se lasciamo l’implementazione di questa politica agli esperti. L’argomento principale per l’indipendenza della Banca Centrale, dunque, non è che essa porti di per sé a dei migliori risultati, ma che siamo tutti d’accordo su ciò che dovrebbe essere fatto. In molti paesi, tra cui gli Stati Uniti, questo consenso esiste ancora. Ma la lettera di McHenry ci dice anche che il consenso su un’ampia definizione dell’indipendenza della Banca Centrale non è più così forte come un tempo.

Una volta che il consenso sugli obiettivi della politica monetaria viene meno, la stessa idea di indipendenza della Banca Centrale diventa difficile da difendere su una base democratica. La situazione americana differisce per un aspetto importante rispetto a quella europea: l’obiettivo della politica monetaria è definito in modo molto più ampio. Da un certo punto di vista ciò rende più semplice difendere l’indipendenza della Banca Centrale. L’obiettivo è definito in modo così ampio che è difficile essere in disaccordo. Ma cosa succede se diversi obiettivi entrano in conflitto tra loro? Sono d’accordo con Otmar Issing, ex capo economista della BCE, sul fatto che l’indipendenza della Banca Centrale è giustificabile politicamente solo quando la Banca Centrale ha come obiettivo una singola variabile – nel caso della BCE, la stabilità dei prezzi. 
La presenza di più obiettivi implica che deve essere trovato un compromesso, e trovare questo compromesso è fondamentalmente un compito politico.

L’indipendenza della Banca Centrale richiede qualcosa di più che un ampio accordo sugli obiettivi stessi. Richiede anche un certo grado di accordo su cosa la stabilità dei prezzi, per esempio, significhi. Questo è un problema alquanto controverso nell’eurozona, dove la Germania non ha mai accettato il target della BCE su un tasso di inflazione annuale “di poco inferiore al 2 percento”.

Un tasso di inflazione vicino al 2 percento è oggi ampiamente accettato dai banchieri centrali. Ma nei decenni prima dell’età d’oro dell’indipendenza delle banche centrali, gli economisti dibattevano sul necessario compromesso tra disoccupazione e inflazione. Da allora, la professione economica ha visto una convergenza verso un nuovo insieme di credenze. Un tasso di inflazione basso ma stabilmente positivo è oggi considerato compatibile con la massima occupazione possibile. Vi è un vasto consenso su questa compatibilità, definita da Olivier Blanchard, economista francese, come una divina coincidenza. Eppure la fiducia in questi modelli economici si sta indebolendo, proprio come il sostegno all’indipendenza delle banche centrali. Le due cose potrebbero naufragare assieme.

Da dove arriva questa concessione ai banchieri centrali di poter partecipare ai forum globali di “burocrati in terre straniere“, contro la quale ha inveito McHenry? Gli ultimi 10 anni ci hanno insegnato che la regolamentazione finanziaria è anzitutto una questione politica, non una questione tecnica. Il modo in cui regolamentiamo le banche conta, così come conta quali requisiti di capitale imponiamo, e ciò che facciamo quando le banche falliscono. Il ruolo delle banche centrali dovrebbe essere di dare suggerimenti ai paesi e di fornire supporto tecnico.

Dunque non importa se McHenry abbia ragione o abbia torto. Il solo fatto che una lettera del genere sia stata scritta ci dice che le fondamenta dell’indipendenza della Banca Centrale non sono più così solide come prima

lunedì 13 febbraio 2017

TURISMO ITALIA: Manca la Determinazione di una Promozione Digitale e Valorizzazione del Territorio ...Guardando... altri Paesi che hanno già Ottenuto Risultati Eccellenti.....

NEBBIA IN VALPADANA
L'Italia è il primo Paese al Mondo per siti Patrimonio dell'Umanità dell’Unesco.

Il turismo è indispensabile per fa ripartire il Paese.

Nel primo semestre 2016 si registra una flessione del 3,3% negli arrivi e dell'1,3% nelle presenze a fronte di un 2015 chiuso con un 5° posto per gli arrivi e al 7° posto per gli introiti nell'arena della competizione internazionale (UNWTO World Tourism Barometer).
E' stato abbandonato il piano strategico "Turismo 2020" presentato nel 2013  e non si sa che fine abbia fatto il Piano per la digitalizzazione (TLAB). Piani costosi e mai realizzati.

Ora ecco l'ennesimo nuovo "Piano Strategico del Turismo" scritto chiedendo una consulenza, del valore di 1,5 milioni di euro, a Invitalia. 

Il portale Italia.it costato alle casse statali più di 25 milioni di Euro e pronti altri 13 milioni di euro per il suo restyling e.......

Manca la determinazione di una promozione digitale e valorizzazione del territorio prendendo spunto da altri paesi che hanno già ottenuto risultati eccellenti.....

domenica 1 gennaio 2017

BUON 2017 A TUTTI....

BUON 2017 a TUTTI:::AUGURI!!!!!

sabato 24 dicembre 2016